Arte

Una bella pianta grassa

Eccoci carissimi amici, il nuovo anno alle porte che si presenta a noi come una bella pianta grassa, ma proprio grassa! Sì propio come una di quelle piante grasse dalle quali è bene girare alla larga per non rischiare di pungersi.

Se ne avete una in casa prendetela ed esaminatela attentamente.
Appare a noi come ostile, con tutte quelle argute spine, proprio come si presentano gli “squilibri” attuali dal punto di vista: economico, sociale, familiare e relazionale. La frase più riccorrente:”io speriamo che me la cavo!” Sembra davvero impossibile poterci convivere serenamente! Allora è proprio il 2012 l’anticamera della fine dei tempi?
Cosa ci rimane per quest’anno come migliore augurio?
La disperazione e la solitudine?

NO!!!

Non può essere questo il finale della nostra storia, infatti questa pianta ci nasconde un segreto. Per sopravvivere nei luoghi deserti ai quali è destinata è necesario che trattenga l’acqua che è la vita. I suoi fiori, pertanto, durano molto più a lungo di qualsiasi altro tipo di fiore e sbocciano in tempi inaspettati.

Ecco allora il vero augurio per questo nuovo anno: quello di saper valorizzare e utilizzare al tempo opportuno le proprie risorse Vitali, sapendo con consapevolezza che l’energia necessaria per affrontare le difficoltà è presente all’interno di ognuno di noi, e questo ci permetterà di poter resistere in qualsiasi clima (come il caldo torrido).

Attendendo con perseveranza e speranza i meravigliosi fiori che sbocceranno nella tua preziosa esistenza, lasciando a bocca apertata i critici e gli sfiduciati, divenedo speranza per chi si è abbattuto in preda della disperazione!
Aguri!

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X