Arte

Non mancare all’appuntamento

Carissimi amici, questa volta vorrei condividere con voi qualcosa della mia esperienza che apparentemente ha poco a che fare con l’arte… E’ un’esperienza accaduta già qualche mese fa che mi ha toccato davvero in profondità!
“LA FORMA PIU’ ALTA DI ARTE E’ LA VITA”(Francesco Spirito) e le nostre opere un’espressione di ciò che viviamo e del nostro sentire che ci differenzia…. come artisti!

Ormai è stato dato lo stato d’allerta bufera di neve in arrivo! Meglio non muoversi dalle case tutti pronti! Tutti pronti ad organizzarci ad un week end in casa con la neve.
Ero parecchio stanca, la settimana era stata impegnativa, ho fatto il mio bel programma, in attesa di un meritato stacco.
Inizia la mia giornata…. quando arriva inaspettato un sms di papà: “la nonna è in ospedale con una broncopolmonite virale… speriamo bene.”

La nonna ha 94 anni a quell’età non si scherza, tutto può essere il pretesto per partire finalmente per il cielo.
Con la nonna Bruna ci sono cresciuta, abitavamo a fianco nella stessa bi-famigliare.
Ora ci sono 600 Km che ci dividono, la bufera di neve e il pensiero che forse se ne sta andando senza averla salutata…
Le lacrime scendono.

Così senza pensarci troppo confrontandomi con chi di dovere, decido di partire per Padova, certo non sembra essere la scelta più prudente visto le previsioni meteo, ma quella più giusta da fare! Era chiaro in me che l’affetto per lei e il desiderio di salutarla non mi avrebbero fermato.

A mezzogiorno, sono già sul treno frastornata con i miei bei programmi tutti cambiati.
Stupefatta ripenso a come è iniziata la mia giornata ben ordinata programmata e come davvero basta “poco” per mandare “tutto all’aria.”
il viaggio procede tranquillo, il paessaggio ininterottammente bianco mi calma, mi rilassa lasiandomi un senso di serenità e si fa sempre più viva dentro, la certezza che stavo facendo la cosa più giusta!

Arrivo alle 17.30 giusta in tempo per raggiungere l’ospedale per l’orario della visita.
Mentre raggiungo la stanza dove so di trovare la nonna mi affiora nell’animo quella frase del vangelo: “l’Avete fatto a Me! Ero ammalato e siete venuti a visitarmi”.
Lo sguardo cerca tra le varie nonne li presenti e riconosco la mia, tanto diversa da come l’avevo lasciata a settembre.

Mi guarda sorpresa e nel suo sguardo nella sua fragilità in quel sorriso appena accennato senza denti lo riconosco è Lui!!!
Ho capito Gesù mi avevi dato un appuntamento specialissimo e io non me ne ero accorta ma adesso sono contenta di aver fatto tutti questi chilometri, moandando all’aria tutti i miei programmi per incontrare Te!

Giulia

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Leggi anche

Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker