Arte

PICCOLA….MA LA SUA FEDE ERA GRANDE

Ed ecco, una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni, gli si avvicinò alle spalle e toccò il lembo del suo mantello. Diceva infatti tra sé: “Se riuscirò anche solo a toccare il suo mantello, sarò salvata”. Gesù si voltò, la vide e disse: “Coraggio, figlia, la tua fede ti ha salvata”. E da quell’istante la donna fu salvata.
(Mt 9,20-22)

Che dire cari amici, non ci sono molte parole da aggiungere a questo quadro molto significativo della nostra Antonella Turati, piccola della gioia che vive al Centro Arcobaleno di Roma,
la quale ha saputo cogliere e rappresentare accuratamente quel particolare significativo, che attira l’attenzione di chi guarda e ti conduce direi all’interno di questa storia.
Il volto della protagonista in qualche modo guarda dentro chi guarda, ponendo un interrogativo:Io ci credo e sono pronta a tutto e tu?Ma vi lascio condurre nella spiegazione di quest’ opera dalle sue parole:

Mi ha sempre molto affascinata questo brano del vangelo e, ogni volta che lo leggevo, cercavo sempre di immaginare nella fantasia il contesto di questa scena: colori, sfumature, immagini…
Più di tutto, però, immaginavo lei, una donna umiliata e ferita dalla società, perché considerata impura a causa della sua malattia.
Dopo dodici anni di sofferenza, si sarà sentita sola, scoraggiata, chiusa nel suo dolore… Chi avrebbe mai potuto aiutarla?Chi avrebbe desiderato entrare in questo suo vuoto?

Lì, tra la folla che spingeva, urlava, implorava, lì in mezzo a tanti, lei incontra l’Amore degli amori, incontra colui che ha il potere di salvare.
Lei che non si sentiva degna d’amore, lei che non poteva essere amata, riconosce la potenza dell’Altissimo che le passa accanto… riconosce l’Amore, quell’Amore perfetto, quell’Amore personale, quell’Amore che finalmente era proprio per lei.

Non uno sguardo, non una carezza, non un sorriso: le basta sfiorare un piccolo lembo del Suo mantello per avere la certezza di essere guarita!
Era una “piccola”, ma la sua fede era grande.
Non c’è dolore che non possa essere trasformato e redento in Cristo, non c’è malattia fisica o spirituale che non possa risorgere con Cristo e in Cristo.
Tutto posso in Colui che mi dà la forza. (Fil 4,13)

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Leggi anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker