Evangelizzazione

Dove trovare forza?

L’Eucarestia è la sorgente a cui abbeverarsi, ma in modo del tutto nuovo. Come conformarci a Cristo vittima, a Cristo servo, disprezzato e reietto dagli uomini, l’uomo dei dolori che ben conosce il patire come uno dinnanzi al quale ci si copre la faccia? (Is 53,3).

Bisogna accogliere con tutto il nostro cuore Gesù nel Santissimo Sacramento dell’Eucarestia, perché possa dimorare in noi e sia Lui in noi a calarsi negli inferi di coloro che ci dona d’incontrare. Se lo accoglieremo e custodiremo nell’Eucarestia, sarà Lui ad operare meraviglie, a illuminare le tenebre delle anime, a fasciare e guarire le ferite, a colorare di Cielo gli inferi, sarà Lui a parlare, ad ascoltare, ad abbracciare, ad amare.

L’atteggiamento dinnanzi all’Eucarestia dev’essere la risposta alla chiamata ad accoglierlo sempre più perfettamente nel cuore per diventare tempio dello Spirito Santo nella piena comunione col Padre essendo figli nel Figlio.

Benedetto XVI in una sua omelia ha affermato che celebrare l’Eucarestia è un incontrare il Signore che per noi si spoglia della sua gloria divina, si lascia umiliare fino alla morte in croce e così si dona a ognuno di noi. […] Egli è presente, mi accoglie, sempre di nuovo mi solleva e mi porta, mi dà la mano, se stesso. L’Eucarestia deve diventare per noi una scuola di vita, nella quale impariamo a donare la nostra vita. La vita non la si dona solo nel momento della morte e non soltanto nel modo del martirio. Noi dobbiamo donarla giorno per giorno. Occorre imparare giorno per giorno che io non possiedo la mia vita per me stesso. Giorno per giorno devo imparare ad abbandonare me stesso; a tenermi a disposizione per quella cosa per la quale Egli, il Signore, sul momento ha bisogno di me, anche se altre cose mi sembrano più belle e più importanti. Donare la vita, non prenderla. È proprio così che facciamo l’esperienza della libertà. La libertà da noi stessi, la vastità dell’essere. Proprio così, nell’essere utile, nell’essere una persona di cui c’è bisogno nel mondo, la nostra vita diventa importante e bella. Solo chi dona la propria vita, la trova (Omelia di Bendetto XVI alla santa messa per l’ordinazione presbiterale di 15 diaconi della diocesi di roma in basilica vaticananella IV domenica di pasqua, 7 maggio 2006).

La celebrazione eucaristica è il luogo privilegiato e centrale di realizzazione, crescita e grazia.

Tags

Don Davide Banzato

Priest in international association "Nuovi Orizzonti" founded by Chiara Amirante. Also here I try to follow only Jesus

Può interessarti anche

Leggi anche

Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker