Spiritualità

L’umiltà: dono e virtù per diventare santi

“Rivestitevi dunque, come amati di Dio, santi e diletti,

di sentimenti di misericordia, di bontà, di umiltà,

di mansuetudine, di pazienza …” (Col 3,12)

 

 

Carissimi,

mentre il periodo estivo volge ormai al termine e dopo aver meditato come Maria sulla Vita di Gesù, è sembrato bello condividere con voi delle riflessioni sull’umiltà, che Chiara ha voluto ricordarci durante le vacanze estive.

L’umiltà ha in sé due aspetti: è un dono di Dio ed è una virtù da coltivare. Ecco allora come possiamo accrescere in noi questa virtù per percorrere meglio la via della santità, a cui tutti siamo chiamati.

Esercizi utili:

  • Spesso la tentazione di cercare un tornaconto, anche solo una lode o un ringraziamento da parte di qualcuno, ci allontana da Dio. Per vincerla facciamo atti di amore nascosti, che non possano ricevere lode umana.
  • La tentazione del giudizio e quella della superbia che non sa scusarsi, possono essere altre vie che ci allontanano da Dio. Vinciamole stimando sempre più ogni persona, “gareggiando nello stimarci a vicenda”, chiedendo perdono e perdonando.
  • Per vincere ogni forma di orgoglio e superbia, anche le più nascoste, è molto utile mettere in luce i nostri limiti, i nostri errori, come pure mancanze e miserie che ci appartengono.
  • Ci può capitare di confondere umiltà e timidezza con la falsa umiltà. Ogni volta che abbiamo paura di rischiare e di metterci in gioco, sotterrando il talento che ci è stato affidato, riaffidiamoci nelle mani del Padre ed accettiamo anche la possibilità di sbagliare, mettendo al servizio degli altri quel talento. È importante che questo venga fatto al servizio dell’unità e dello spirito di fraternità.
  • In preghiera chiediamo il dono dell’umiltà.

 

Nel corso di questo mese, oltre alle intenzioni base per tutti i Cenacoli di preghiera, preghiamo per:

  1. La nostra fondatrice Chiara Amirante. Chiediamo al Signore di sostenerla sempre e – se rientra nella sua volontà – chiediamo la guarigione e soprattutto preghiamo per una sua intenzione particolare.
  2. Tutti coloro che sono smarriti e che affrontano difficoltà lavorative, affinché sappiano confidare in Dio come Provvidenza d’Amore.
  3. Tutti i cenacoli nascenti e tutti i membri dei cenacoli di preghiera, affinché sentano il sostegno di tutta la Chiesa e vivano in comunione costante con Cristo.
  4. Tutti gli ammalati, i sofferenti e coloro che non riescono a cambiare vita, perché trovino in Gesù la felicità vera e la Gioia piena.
  5. Mietta, la mamma di Chiara, in questo un periodo di prova, per il papà di Ilaria Tedde, per la mamma di Angela Croce, per Elena, la moglie di Mirko Vucetich, che è stata dimessa ma necessita ancora di preghiere e tanti altri amici e amiche ammalati vicini ai nostri Cenacoli, Gruppi e Comunità.
  6. Tutti i ragazzi e le ragazze che si apprestano ad iniziare una nuova fase della loro vita, facendo esperienza comunitaria come volontari.
  7. La santificazione di tutti i sacerdoti e per tutti coloro che si sentono chiamati al sacerdozio ministeriale, affinché sappiano sempre agire in unità con la Chiesa anche quando questa richiede sacrificio.
  8. L’equipe San Giuseppe, perché il Signore ispiri sempre nuove vie a coloro che lavorano al servizio di tutta l’opera di Nuovi Orizzonti.
  9. La prima Luce nella notte che verrà fatta al centro de L’Aquila il 1° settembre, perché possa essere l’inizio di una rinascita spirituale della città.
  10. Le intenzioni dei nostri fratelli e delle nostre sorelle scritte on line nello spazio dedicato: “RICHIESTE DI PREGHIERA ON LINE”.

 

Sosteniamo ancora, in ogni modo possibile, la costruzione della Cittadella Cielo di Frosinone. Vi ricordiamo lo  spazio del network cdl dove potete inserire le vostre intenzioni di preghiera.

Grazie a tutti voi per il grande e costante impegno nella preghiera e nell’evangelizzazione! Guardiamo sempre a Maria, perché la nostra vita, sul suo esempio, possa essere una vera e propria palestra di allenamento alla vita umile e nascosta con Cristo.

 

don Ciro Vespoli

don Giacomo Pavanello

don Davide Banzato

 

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker