Attualità

Desiderio, esperienza e proposta …

Sembra che l’estate sia appena arrivata, improvvisamente, e mentre in tanti pensano già a programmare vacanze pasquali e per il lungo periodo successivo, riflettendo con alcuni giovani Sacerdoti/studenti sull’importanza della formazione giovanile precoce che, sfidando la mentalità del mondo, ne prevenga alcune erbacce pronte a radicarsi facilmente su terreni incolti, ho fatto anch’io un pensierino-desiderio…Mi piacerebbe che comunità, parrocchie, movimenti, tutti organizzassero a modo periodi di gioiosa formazione per giovani e non solo.
Credo che nella Chiesa sia importante riscoprire, a partire dal ‘territorio’, la bellezza e la ricchezza delle consegne ‘transgenerazionali’ e non dividersi, ghettizzarsi, emarginarsi per età, come fa il mondo ogni volta, anche quando si parla di diritti fondamentali come il lavoro, la casa,ecc. a seconda degli interessi di parte. Le ingiustizie creano ghetti, i cristiani riconoscono e sperimentano, invece, la libertà piena in Cristo e, in lui, scoprono la realtà di essere fratelli secondo Dio, eternamente.4
Anche la Parola deve essere annunciata per giungere sino a noi e tutto ciò che siamo ‘discende’ da generazioni precedenti: se siamo giovani siamo capaci di apprezzare quanto ci regalano adulti prossimi o sconosciuti, i loro carismi di discernimento, accoglienza, preparazione, ricchezza spirituale, esperienza…? E gli adulti si rallegrano delle enormi possibilità dei giovani, aiutandoli con pazienza?
Mentre i giovani rendono vivace il mondo, gli anziani dovrebbero renderlo più umano e più saggio…Ma intorno vediamo isole alla deriva, gruppi monolitici che s’identificano con una certa tipologia di leader o di scelta, tutti vogliono emergere singolarmente, la comunità è utopia per molti…
Allora, perché non organizzare delle unità in cammino, delle fraternità che condividano vita spirituale e tempi fisicamente per un servizio, per un fine…ad esempio: uno stage formativo, una scuola di relazioni, in un Paese in cui ci sia bisogno di servizio alla popolazione, portando competenze e organizzazione ‘imprescindibili’, ma attraverso la fraternità e la condivisione di nuclei in cui non si differenzi per età, anzi, si mettano accanto giovani, adulti e attempati perché comunichino e possano scambiare i doni ricevuti e ‘coltivati’ nel tempo.
Direte: ‘Guarda che già facciamo questo e molto altro…’ Chiedo: COME e con CHI, con TUTTI? Aprendo ad altri, invitando chi non appartiene alla ‘vostra’ realtà?
Nella Cooperazione internazionale, da sempre, a qualunque età puoi fare qualcosa, se mancano le forze puoi sostenere con azioni a distanza, preghiera ecc., creando circoli di informazione, collaborazione…o partire per scoprire che i poveri di ogni angolo della Terra non avranno acqua, ma posseggono ‘pozzi di gioia di vivere’ da donarti e potrai ricevere fede, amore e la speranza di sguardi sorridenti persino su stuoie di ‘ospedali’, riconoscendo sul volto di quell’uomo o bimbo senza forze, di quella donna o bambina traballante il potenziale si straordinaria umanità di cui non immaginavi neppure l’esistenza…
FormazioneNOProfessionisti o casalinghe, studenti e professori, giovani o meno…l’estate in giro per il mondo ci aspetta, ma il servizio soltanto rende piena la nostra vita e colma il vuoto dei nostri desideri.
Il Cristo che accompagniamo sulle vie dell’uomo ci illuminerà della sua gloria, mentre vince per tutti, ogni giorno, sofferenza, morte, indifferenza ed egoismo.

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker