Famiglia

Follia o baratro umano: cristiani e formazione

Sconvolti da notizie che raccontano drammi familiari, se cerchiamo un po’ di capire, ecco che emergono dettagli incredibili: il profilo del presunto assassino di S. risulta essere quello previsto…quarantenne, padre affettuoso e cristiano ‘praticante’. Qualcuno ha verificato che era sempre presente alla Messa domenicale a Sotto il Monte e che frequentava anche i sacramenti!
L’assassino di moglie e figli (5 anni e 20 mesi) era padre da cinque anni, sposato da sei, aveva celebrato matrimonio e altri sacramenti e giocava ancora con gli amici dell’oratorio, di certo non è mai diventato né maturo, né padre: «Quando ha ucciso i figli – spiega il prof. Mastronardi – ha provato un senso di liberazione: voleva tornare a giocare da solo… ma il fatto che l’uomo abbia sterminato la famiglia e poi sia andato a vedere la partita dell’Italia, dimostra quella insensibilità che è stata tracciata» (ilmessaggero.it)
Trattandosi di ‘padri’ e mariti e, persino di ‘cristiani’ o apparentemente tali, lasciatemelo gridare, di quale paternità e cristianesimo si tratta, quali principi umani o evangelici, quale incontro con 09-croce-di-cristoCristo è stato loro proposto durante infanzia, adolescenza, preparazione a ricevere sacramenti, ma anche quali segnali educativi sono stati colti della loro personalità, in famiglia, negli anni o durante un tempo di fidanzamento? Il ruolo dei referenti educativi in particolare, della comunità ecclesiale, dei Sacerdoti e dei Parroci, in paesi di poche migliaia di abitanti appare relegato al ‘lisciare le pecorelle’ come diceva il Santo Padre, non certo incisivo e determinante come un tempo, specialmente in provincia, dove condizioni e possibilità maggiormente umane dovrebbero favorire il dialogo, gli incontri, la carità sotto ogni forma. Ma se il parroco non riesce a conoscere, a tenersi informato dei problemi della sua comunità, forse preso da altre faccende, confessa anche sommariamente e durante un certo orario. Se un Sacerdote non può certo tradire il segreto ministeriale, dopo aver ricevuto simile confessione, mentre il tempo passa e la comunità spreca denaro e risorse per dare risposte al dolore di un’altra famiglia, quanto altro potrebbe e avrebbe potuto fare per convincere un penitente ad autodenunciarsi invece di assolverlo, forse in modo troppo sbrigativo…Trattasi di nuovi aspetti della formazione pastorale e spirituale, di nuove forme di confronto che i seminari non contemplano, di matrimoni celebrati secondo criteri che non richiedono o forniscono aiuto alla persona, che non prevedono nessuna valutazione psico-vocazionale, che incentivano numeri, offerte e modalità esteriori.
Non credo alla pura follia in chi programma lo sterminio di tre innocenti da effettuare durante la partita di calcio, non posso neppure pensare che certi segnali e certe responsabilità non appartengano ad una comunità cristiana, qualsiasi essa sia, se presente sul territorio. L’omertà non alberga solo negli anfratti: è quel silenzio che sembrerebbe ‘non mi impiccio’, ‘non mi riguarda’, è quel continuare impassibili ad occuparsi dei propri interessi mentre ‘suona la campana’ a morto, troppo spesso. Mai come oggi la parola ‘padre’ invece di riportare a Dio fa inorridire, dopo assenza atavica non solo ‘di fatto’ durante gli ultimi decenni. La distruzione e la morte si sono sostituiti al ‘procurare pane e protezione’ del termine ‘pater’. Nello sgomento, anche senza fiaccole in mano, preghiamo e meditiamo, esaminandoci seriamente sulle responsabilità dei ‘cristiani’, di ognuno, ogni volta che, accanto, un altro arriva a rinnegare se stesso, la vita e l’amore in modo talmente indegno dell’uomo da farci inorridire e tremare. I rintocchi di quelle campane e quell’assordante silenzio che ancora non si apre alla Verità, alla confessione e alla richiesta di perdono sono monito per educatori, sacerdoti, cristiani e società…per ognuno di noi, specialmente per chi riconoscendo i bisogni, indugia, distoglie lo sguardo, si occupa di ‘collette’…Un disperato grido, bisogno di crescita ordinata, di ausili alla formazione, di condivisione di mezzi e strumenti adeguati, di restare accanto a bambini, giovani e adulti disorientati e confusi. Se invochiamo la misericordia di Dio essa a noi richiede opere di samaritani e non insipienti giustificazioni delle nostre ‘omissioni’…ma chi di noi si ‘accusa’ di omissioni? Qualche Avemaria di penitenza risolve tutto, neppure in ginocchio davanti al Crocifisso!
Il nostro suffragio per i piccoli innocenti e per l’ennesima donna/moglie, diventati peso di cui liberarsi…Intensificando preghiera e sacrificio per la Famiglia, da ogni parte attaccata dal male.
petizione

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker