Attualità

“Vieni a incontrarmi..” di Margherita Melidonis (Campo Brasile 2015)

‘Finisci la pasta perché ci sono bambini che muoiono di fame’, quante volte i nostri genitori ce l’hanno detto e ridetto, tanto da assuefarcisi e rendere una frase, che di banale non ha proprio nulla, parte del repertorio di ogni giorno?

‘Questa è un’ingiustizia!’, un altra frase che è caduta in questa trappola, tale da gettare nel vago lo stesso concetto di giustizia.
E potrei continuare, con frasi che vanno da ‘essere poveri è brutto’ a ‘c’è gente che non ha nulla’, ma rischierei di non arrivare mai al nucleo delle mie riflessioni, il centro e l’obbiettivo di questo mio scritto. Tempo per le spirali di Hegel non ce n’è.
Partiamo dunque da qui, per la prima volta mi trovo davanti a un ostacolo che neanche le parole potranno superare, perchè l’ostacolo stesso sono le parole. La favela ha questo potere, rendere impotenti le parole davanti alla materia; a ciò risponde con un invito: se mi vuoi conoscere vieni ad incontrarmi, perchè ti racconterò storie, ti farò vedere, ti impregnerò i vestiti, ti farò toccare, ti parlerò nel linguaggio segreto dei sentimenti.

Questa è la mia promessa, il resto sta a te.

Parliamo di Luisa, la matriarca, vive nella sua casa, grezza, sporca, costruita alla bel è meglio con pezzi di legno e materiali di scarto, assieme alle famiglie delle figlie, pronipoti compresi. Lei, sì, non ha nulla, nemmeno il lusso di mangiare tutti i giorni, ma è felice. I suoi bambini giocano nel fango, nella fogna e gli escrementi di cani e galline, eppure basta un sorriso e gli si illumina il volto, e sono felici. Le sue figlie sopportano ogni anno, nella stagione delle piogge, l’acqua fognaria del vicino rio che gli arriva al seno, eppure hanno la forza di andare avanti, e sono felici.
Parliamo di Gabriela, lei, sì, ha una grande ricchezza, un marito accanto. Per queste famiglie un papà è un lusso assai raro; qui, dove vige un forte maschilismo, la poligamia e l’abbandono da parte degli uomini sono al ordine del giorno. Per questo Gabriela è felice, perché ha un marito accanto a lei che combatte per i loro dolci bambini e ogni giorno le fa il dono più grande, il cibo. E allora questa sì che è una famiglia felice, vive nella sua piccola casetta di mattoni e cemento, che dal LEGO si distingue solo per la minore gamma di colori delle mattonelle, e non c’è piena di fiume che la scoraggi.
Parliamo di Lucima, la dolce e forte Lucima, la guerriera della favela, e dire che la vita gliene ha fatte tante per buttarla giù, l’abbandono di un marito, la morte di una figlia, il mantenimento dei nipoti orfani, un diabete debilitante; eppure lei è sempre qua e ringrazia Dio per esserci e continua ad andare avanti, perchè sa che lei ha il dono più grande, la vita. E se le dici quanto l’ammiri, quanto sia grande la lezione di umiltà che lei ogni giorno da al umanità col semplice fatto di esistere, lei si commuove e tocca a te, fragile uccellino occidentale, consolare questo forte albero.
Eccole qui, tre storie, una diversa dall’altra, tre persone, tre sguardi tutti uguali, ognuno contiene una perpetua scintilla di felicità e amore, basta questo e la favela ti ha già conquistato. Perchè la favela è questo, una biblioteca alessandrina di storie di persone, di vita, di morte, di amore, di mondo.
E tu? Combatteresti per esso?
Margherita Melidonis
Volontaria – Campo Estivo 2015 – Fortaleza/Quixada, Brasil
Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Leggi anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker