GiovaniSocietà

Regole fatte insieme, fiducia conquistata!

Dal diario di 2 ricercatori di…classi!

Progetto Punta in Alto. Novità dell’anno 2018/2019. Per le scuole, ma anche per noi, Carlo e Adam, che ormai da qualche anno viviamo e lavoriamo in comunità. Entusiasmo e felicità per Adam, ansia e qualche preoccupazione per Carlo. “Un progetto nelle scuole? Lavorare con adolescenti?” sono le domande che spesso passano nella testa di Carlo. “Non vedo l’ora” e “Che bello tornare a scuola” sono i pensieri che invece condivide spesso Adam.

Iniziamo la ricerca delle scuole. Le professionali! Sembra impossibile nel territorio pistoiese; nonostante i vari contatti, solo qualcuno sembra interessato, ma quando si accorgono della durata e dell’intensità del progetto anche queste poche scuole rifiutano. Siamo in ritardo, i tempi si accorciano. Ci spostiamo allora su San Miniato, contattando alcune scuole che già ci conoscono e con cui abbiamo collaborato.

Affidiamo tutto a Dio, fiduciosi del suo aiuto che ancora una volta arriva puntuale. La prima scuola ci conferma subito; la seconda ci dà risposta esattamente cinque minuti prima dell’inizio della formazione del Progetto. Ora si parte davvero!

Il mese di novembre è intensissimo. Iniziamo solo con la prima scuola, ma ci chiede di essere presenti due volte a settimana: martedì e venerdì due classi ci aspettano. Come? Tutto da scoprire. I professori ce le presentano: una più numerosa, ma più calma, l’altra più piccola, ma più movimentata. L’impatto è adrenalinico per entrambe.

Entriamo in punta di piedi: una preghiera veloce prima che la classe si riempia. Ragazzi e ragazze che ci osservano, ci studiano, vogliono conoscerci. “Siamo qui per lavorare insieme” è la nostra prima affermazione. Ma per poterlo fare dobbiamo scegliere qualche regola. “Adolescenti e regole”, binomio non sempre azzeccato, rischiamo di essere distanti.

Facciamo un passo indietro: “Niente regole, facciamo un patto” esclama Adam. I ragazzi si sentono coinvolti, possono dire la loro e così la distanza si accorcia. Qualcuno propone di fumare in classe mentre lavoriamo. “Va bene!” noi accettiamo. Ci eravamo accordati che ci saremmo fidati e dimostriamo loro che vogliamo farlo anche in questo momento.

Inizia a formarsi un Gruppo: “Ma no, fumiamo dopo” interviene un compagno, “Togliamo anche il cellulare in queste ora che vengono loro” aggiunge un’altra compagna. “Ogni volta che volete fare una pausa, noi siamo disposti a fermare tutto per svagarci” è la nostra proposta subito accettata. Regole fatte insieme, fiducia conquistata. Possiamo procedere.

I lavori sono tanti e diversi tra loro: passiamo da visioni di filmati a momenti di gioco; da momenti di condivisione a momenti di silenzio. “Chiudete gli occhi” dice Adam alla classe. Qualcuno parte a ridere, qualcuno fa il furbetto e ci osserva con la palpebra semi chiusa. “Non abbiate paura. Lasciatevi guidare dalla musica e dalle nostre parole”. Diventa questo il nostro punto di forza. Un ascolto silenzioso e personale è il punto di partenza per ogni lavoro di conoscenza e crescita. Ai ragazzi inizia a piacere anche il silenzio. Il mese era intenso, ma vola veloce.

I miei colleghi mi condividono che vedono già dei cambiamenti nei ragazzi” ci riporta la referente dell’Istituto con cui collaboriamo dall’inizio.

Ci rimane il dubbio: questo è vero o è un’esagerazione? Carlo si ferma, fa silenzio, chiude gli occhi. Si gira verso Adam ed esclama: “Non so se i ragazzi stanno cambiando grazie al progetto, ma sai che sono sicuro che un cambiamento lo vedo anche io: il mio!”. La sua ansia iniziale si sta trasformando pian pianino in entusiasmo!

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Leggi anche

Close
Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X