Attualità

“Un po’ di tempo con Gesù ..” articolo di Antonio Loi- Parte I

Le note che seguono, in ordine sparso, rappresentano una sommaria trascrizione di quanto accaduto e da me vissuto a Medjugorje, presso la Cittadella “Orizzonti di Pace” Nuovi Orizzonti, in occasione dei dieci giorni dedicati al discernimento (fine luglio 2011). Si tratta di tante note, associate agli eventi e alle persone eccezionali che ho avuto la possibilità di incontrare, a cominciare da chi ha assecondato il mio desiderio di fare questa incredibile esperienza. In queste note, in particolare, vi è il richiamo alla visita ad un centro per anziani, nei pressi di Medjugorje.

<<… allora parlami come parleresti con il più intimo dei tuoi amici, come parleresti con tua madre o tuo fratello.>>

Mi sono presentato all’appuntamento del pomeriggio, la visita agli anziani, con la testa carica di pensieri, che accadrà quando sarò a contatto con loro e come riuscirò a vivere pienamente un’esperienza che, sono sicuro, mi rivolterà come un calzino?

Ti ho invocato io, sempre più spesso ultimamente: mostrami ancora la luce del tuo volto, fa che ti possa toccare e che riesca a sperimentare la tua presenza in ogni secondo della mia vita! Ricordi? Il pranzo di quel giorno, non ne ricordo più la data, l’ho condiviso con alcuni fratelli del discernimento e, caso vuole … , con Antonella: “Se vuoi veramente abbracciare Gesù”, mi dice, “… lo devi fare abbracciando il tuo fratello che soffre, ama gli ultimi e avrai amato Gesù”. Perché a me, mi chiedo stupito …  perché proprio oggi mi sono seduto al tavolo con lei e ho ricevuto questa carezza sul viso? …

… arriviamo al famoso pomeriggio, saliamo in macchina con Antonella e ci accingiamo a percorrere la strada verso la nostra destinazione. Siamo in tanti, fratelli e sorelle accomunati dal desiderio di incontrarti in altri fratelli, consapevoli che si tratta di fratelli speciali perché a te tra i più cari.

Io, non te lo nascondo, sono un po’ timoroso … sono stati giorni di combattimento interiore, sono saltati fuori flash della mia vita che avevo sepolto e che credevo di aver gestito una volta per tutte. Non è così, più mi lascio andare e mi abbandono –  In Manus Tuas Domine, qui lo ripetono tutti – e più mi sento vulnerabile, io che fino a pochi mesi fa mi ritenevo forte e con “spalle larghe”, quando ancora bruciavo nel fuoco dell’inferno e neanche lo capivo … Ma tu mi hai salvato innumerevoli volte, tante volte quante io ti ho tradito. Sei perfino venuto a cercarmi dove era buio e nessun essere umano avrebbe potuto arrivare in mio aiuto, mi hai portato via da quella discesa che porta all’autodistruzione.

Tu non potevi accettare questo, tu che mi conosci da sempre e mi hai pensato a Tua immagine. Ho tutto questo nel mio cuore mentre la macchina prosegue nella sua strada, lo sai perché sei in me e, con me, condividi anche i miei pensieri e le mie emozioni. Io ti ho visto mio Signore, come è dato vedere agli uomini, ti ho visto nella preghiera, nell’amore di altri  fratelli e sorelle che tu hai messo sulla mia strada, nello sviluppo di taluni eventi e nella gioia che è nel mio cuore. Ti ho visto soprattutto nella mia vita, l’ho capito ora, dopo tanto tempo perso a contemplare le lusinghe del mondo … però non ti ho ancora toccato, non ho ancora avuto il coraggio di andare fino in fondo e toccare le tue piaghe, mettermi sotto la croce e farmi bagnare dal tuo Spirito. .. eppure te l’avevo promesso, ricordi?

Fu quando, con ns. Madre Maria, ti dissi che ti offrivo la mia vita e che potevi farne ciò che desideravi. … in realtà, lungo la Via Crucis a Lourdes, io e Te soli perché c’era la neve e io ero l’unico rimasto dentro, ti dissi di più: … con lacrime di gioia, ma ferito perché ti vedevo a terra e vedevo me, ti dissi che ero pronto ad aiutarti a portare la tua croce, per te che avevi portato la mia e non mi avevi mai chiesto “il conto”. Anzi, ricordo benissimo, ti dissi che lo avremmo fatto insieme, tra fratelli e che questo avrebbe finalmente dato un senso alla mia esistenza. Come non manifestarti la mia riconoscenza, condividere con te la mia storia e la mia vita?   (Continua)

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X