Evangelizzazione

Misericordia di Madre e non ‘strutture’…

All’insegna della Misericordia, Papa Francesco ha aperto una breccia nel cuore di ogni uomo…La sua è davvero una propensione a chinarsi sulla sofferenza di ognuno e, quasi, ad accarezzarne le ferite, invocandone ‘guarigione’ … e se il 15 scorso, essendo domenica, non abbiamo celebrato l’Addolorata, cioè la Madre ai piedi della Croce, il nostro Santo Padre ci ha riportati, oggi, a quella immensa opera di Misericordia della Madre nei confronti di ogni uomo… La Chiesa non può che essere Maria, la Madre che cerca, aiuta, solleva, ci mette la faccia per difendere e implorare, per ottenere giustizia e molto più perdono, accogliente come grembo dell’umanità, amorevole a immagine del Cuore di Dio: “Noi diciamo che una mamma – nella mia terra lo diciamo – che una mamma sa ‘dar la cara’. Cosa vuol dire, quello? Una mamma sa ‘metterci la faccia’ per i propri figli, cioè è spinta a difenderli, sempre. Penso alle mamme che soffrono per i figli in carcere o in situazioni difficili: non si domandano se siano colpevoli o no, continuano ad amarli e spesso subiscono umiliazioni, ma non hanno paura, non smettono di donarsi. Le mamme sanno metterci la faccia, per i figli” (cit. da RV) e, inoltre, non si stancano di chiedere per essi, ma anche devono bussare al cuore dei figli con la stessa insistenza perché imparino a fare il bene, a scegliere sempre il bene e a procedere su vie faticose ma di verità e di pace:ha esortato dunque a ricordare e mettere in pratica i comandamenti, che ‘invitano a non farci idoli materiali che poi ci rendono schiavi, a ricordarci di Dio, ad avere rispetto per i genitori, ad essere onesti, a rispettare l’altro… Provate a vederli così e a considerarli come se fossero le parole, gli insegnamenti che dà la mamma per andare bene nella vita. Una mamma non insegna mai ciò che è male, vuole solo il bene dei figli, e così fa la Chiesa”. Il suo contemplare la Madre delle genti, lo induce spesso a guardare al femminile, a cercare vie di concretezza e di prossimità, vie di semplicità e di immediata comprensione che in soli sei mesi hanno attratto non solo sguardi e curiosi, ma molto di più coloro che invocavano dallo Spirito un rinnovamento interiore della Chiesa del terzo millennio, il ritorno della partecipazione dei molti intimiditi e allontanati dalle strutture e dal linguaggio altisonante…Oggi, non ci sono scuse: o ti comprometti e prendi la tua parte di responsabilità nella Chiesa o non vuoi aprire il cuore, ti ostini a criticare dall’esterno senza rimboccarti le maniche…cml_icona2Forse ad ognuno di noi, per avvicinare l’ora di una conversione sociale, culturale, delle strutture resistenti ad ogni scossa di rinnovamento, è rivolto questo insistente ed accorato invito, sentendoci tutti MADRI di altri, di figli disperati, angosciati, tormentati e confusi dei nostri condomini, delle nostre strade, degli ambienti in cui siamo chiamati ad operare e vivere:
“Penso a voi, care mamme: quanto pregate per i vostri figli, senza stancarvi! Continuate a pregare, ad affidare i vostri figli a Dio; Lui ha un cuore grande! Bussate alla porta, quella al cuore di Dio, con la preghiera, per i figli. E così fa la Chiesa, anche”. Ecco, il nostro essere Chiesa è ritrovare questa Maternità dolorosa di Maria ai piedi di quella Croce di Salvezza e sperare contro ogni ‘evidenza’ che quel figlio risorgerà, o quei molti figli risorgeranno in Cristo Presente e Vivo…

citaz.http://it.radiovaticana.va/news/2013/09/18/il_papa_alludienza_generale:_la_chiesa_%C3%A8_una_mamma_misericordiosa/it1-729524 del sito Radio Vaticana

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker