EvangelizzazionePensieri e Riflessioni

Grazie per il vostro tenero cuore

Crescenzo è salito al cielo 10 anni fa. Ha lasciato in tutti noi, suoi amici di comunità, una scia di luce che non si spegne e ha stretto un legame d’amore che supera ogni barriera. Crescenzo, un testimone della potenza trasformatrice del Cuore di Dio, che ha preso il volto di Gesù. Siamo grati a lui per averci lasciato questo preziosissimo documento della sua anima!

Chiara, un dono d’amore, la salvezza di tantissime anime, dono di Dio, ti è bastato un semplice sì con immensa fatica e dolore nel cuore per far sì che io ora, grazie a te, posso dire grazie per la gioia che mi hai messo nel cuore e quel Gesù presentato da te in modo così carnale, così speciale al punto da capovolgere la mia vita, fatta da mille peccati e un attaccamento ad essi che nemmeno Maciste era in grado di staccarmi …e tu, con la tua semplicità ci sei riuscita!

In pochi conoscono la mia testimonianza… e una storia da raccontare a qualcuno può far bene.

…un Gesù mandato via dal mio cuore a 11 anni. Fino a quell’età ho sempre avuto una sensibilità che mi marciava dentro… Mi facevano male le mille ingiustizie della vita; mi domandavo spesso perché in questo mondo c’è chi ha tanto da mangiare e chi niente. Quando vedevo in quella tv, quei bambini che morivano di fame la mia impotenza di non poter fare nulla… ero bambino e non so quanti pianti che mi sono fatto.

Ma quel dolore si è affiancato alla separazione dei miei genitori. Che botta! È da lì che è incominciato il vero calvario: l’essere accolto dai nonni paterni e il mio rifiuto, sono cresciuto con loro ma soffrivo troppo e la mia sofferenza mi ha portato a fare tantissimi errori nella mia vita: prima i soldi, poi il carcere e poi le droghe miste tra donne, gioco d’azzardo, rubare cocaina, eroina e così via.

Poi nel 2000 la malattia, un tumore, la guarigione rapida, niente rimpianti… Nel 2001 finisco in carcere di nuovo per un grave reato di camorra. Nel carcere i sensi di colpa, cercavo la morte, ma Dio non ha voluto. Gesù mi aveva sentito nel carcere! E da lì, la svolta di vita.

Nel 2004, Nuovi Orizzonti! Sandra, la responsabile del Brasile, mi è venuta a fare un colloquio dopo la mia richiesta… mi guarda dopo un po’ della mia confessione e mi dà il suo sì per l’accoglienza.

Sei anni di comunità: il capolavoro di Dio! 2004, prima comunione, poi promesse di povertà, castità, obbedienza e gioia, la lunga lotta contro questi mostri, le ricadute, il giudizio, la paura di non riuscire mai ad amare, poi nel 2009 la ricaduta, si presenta di nuovo il tumore, stavolta è misto e più potente, mi ha attaccato dappertutto, polmoni, addome, anche, spina dorsale. Ora mi tiene compagnia da un anno.

Sono contento di aver conosciuto Chiara Amirante e i ragazzi della comunità: Enzo, Lucia, don Robertino e tanti altri che, venendo a farmi visita a casa, mi hanno fatto rinascere. Ora, sì, sono malato nel corpo ma lo Spirito è vivo dentro di me!!!!!!!!!

Grazie per il vostro tenero cuore, cari fratelli lettori!

Crescenzo

Tags

Può interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X