AttualitàNewsSocietàSpiritualità

Sì, io clicco MI DONO!

Voglio essere felice!

Tante volte mi sono chiesto se le opzioni che i social mettono a disposizione per dimostrare il nostro interesse, che sia positivo o meno, si potesse ridurre in un MI PIACE o NON MI PIACE. È vero che sono state aggiunte innumerevoli altre possibilità che avrebbero il compito di esprimere con delle faccette emozioni virtuali dinanzi a foto o notizie pubblicate sui social; resta il fatto che sono solo giudizi passivi. Papa Francesco durante la sua visita a San Giovanni Rotondo e Chiara Amirante nel suo ultimo libro: Il Grido Inascoltato, parlano entrambi della società dei like. Quale altra opzione potrebbe allora sostituire quella del MI PIACE o NON MI PIACE? Quale altro tasto proponiamo ai giovani di cliccare?

L’utilizzo dello smartphone e dei social per comunicare con gli amici -sempre in cerca di nuovi like- e con il mondo continua a crescere. […] La linea di confine tra mondo reale e mondo virtuale, diventa sempre più labile…” Chiara Amirante, Il Grido Inascoltato

La ricerca dei like è un dato di fatto. Spesse volte in Comunità a Nuovi Orizzonti Chiara ci chiede di fare il semplice esercizio di quantificare il tempo che trascorriamo nei social e quanto ancora passiamo a scrutare i vari profili per vedere quanti like abbiamo raggiunto. È un esercizio che faccio spesso e altrettanto spesso mi stupisco nel vedere quanto tempo dedico a questa ricerca. Cosa mi fa ricercare dunque tanti like o vedere i like altrui? Forse che il virtuale non mi dà altre possibilità di scelta se non quella del MI PIACE o NON MI PIACE?

San Pio ha combattuto il male per tutta la vita… […] Tanti ne parlano bene, ma quanti imitano? Molti sono disposti a mettere un MI PIACE sulla pagina dei grandi santi, ma chi fa come loro?”. Papa Francesco, Omelia a San Giovanni Rotondo

Oggigiorno si parla di imitazione per enfatizzare e caricaturare qualcuno ironizzandolo o per assomigliare a ideali molto distanti dalla realtà, appartenenti a paradisi artificiali. Un santo come Padre Pio, con una nomea da taumaturgo ad effetti speciali, sarebbe, in un suo profilo Facebook di quest’epoca mediatica, sicuramente pieno di like e richieste di amicizia. Ma sono disposto ad imitarlo? Beh, parliamone. Tutto ciò che vedo nei social è uno scorcio di irreale che mi allontana, almeno per un istante, dal momento presente, dai pensieri a volte negativi, dal stare fermo nel presente per viaggiare in un mondo dove mi viene chiesto di restare solo uno spettatore passivo, in cui l’unico sforzo che dovrei fare è quello di cliccare…MI PIACE o NON MI PIACE.

Mi sorge spontanea una domanda: in tutto ciò sono e siamo felici?

I santi diventano degli esempi e una proposta in questo cammino verso la felicità: sono persone prima di tutto realizzate. Siamo abituati a vederli spesso come qualcuno di molto distante: ci siamo noi, poveri e peccatori, e poi ci sono loro. Se guardiamo invece le loro storie, vedremo quanto sono affascinanti poiché ognuno ha le sue povertà, i suoi combattimenti, le sue spine nella carne, eppure sono innanzitutto persone veramente realizzate perché Dio che è Amore, ci ha creati a sua immagine e somiglianza.” Chiara Amirante, Il Grido Inascoltato

Sì, in effetti ho molte volte visto i Santi come delle persone a cui rivolgersi in caso di emergenza, quasi fossero distributori di grazie particolari. Nel mondo virtuale poi si propinano immaginette devozionali che girano a mo’ di catena, addirittura come portafortuna. Sì, forse è il caso di aggiungere un altro tasto su cui cliccare. È necessaria un’altra opzione proprio perché i Santi non rimangano chiusi in qualche quadretto devozionale, ma diventino delle proposte viventi nel raggiungimento della felicità. In tutte le opzioni manca forse la principale: il tasto MI DONO!

Perché la vita cristiana non è un MI PIACE, è un MI DONO. La vita profuma quando è offerta in dono; diventa insipida quando è tenuta per sé.” Papa Francesco, Omelia a San Giovanni Rotondo

Sì, io clicco MI DONO! Voglio essere felice!

Luca Drusian

 

 

Tags

Può interessarti anche

Leggi anche

Close
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker