Evangelizzazione

Oscar Romero e la luce dei martiri

In questi giorni ricorre l’anniversario del martirio di Oscar Romero, arcivescovo di San Salvador, ucciso il 24 marzo 1980 mentre celebrava la Santa Messa.

Uomo di pace, nella sua omelia del giorno prima aveva rivolto un appello alle coscienze di chi faceva della violenza una brutale abitudine: “Davanti a un ordine di uccidere che viene da un uomo, deve prevalere la legge di Dio che dice di non uccidere”.
Molte persone, soprattutto giovani, non conoscono la storia di Oscar Romero. Scoprirla, oggi, significa rivolgere lo sguardo verso un sacerdote che ha pagato con il sacrificio della vita il suo amore per il Vangelo. Un esempio di fede autentica, che possiamo sforzarci di seguire nella nostra zoppicante umanità.

Oggi, purtroppo, c’è una tendenza a dipingere il mondo a tinte scure, come se fosse irrimediabilmente corrotto. Nell’aria c’è un sentimento di rassegnazione e di pessimismo, che ci spinge spesso a considerare la vita una specie di giungla in cui trionfano solo i più forti.
La colpa, in parte, è anche di un cattivo uso dei mezzi di comunicazione, che tendono a dare poco spazio al bene, rispetto alle tonnellate di carta di giornale e di servizi televisivi dedicati al male: corruzione, scandali, omicidi e violenze di ogni genere.
Scoprire la storia di Oscar Romero e di altri martiri come lui può aiutarci a ritrovare speranza e fiducia. Raccontiamo storie come queste! Tiriamole fuori dalla cantina dei ricordi e rendiamoci conto della loro attualità!
C’è bisogno di conoscere questi portatori di luce, che hanno saputo illuminarci con la loro testimonianza. Uomini e donne, come noi, pronti ad offrire la vita per aiutare il prossimo. Senza paura. Senza preoccuparsi di ciò che potrebbe succedere domani.
Paradossalmente, un mondo materialista come quello di oggi potrebbe considerare le storie dei martiri come le tristi disavventure di persone inutilmente idealiste, perse nella loro utopia. Uccise, torturate, sottomesse, crocifisse come Gesù…
Qualcuno potrebbe obiettare: perché rischiare tanto? Perché complicarsi l’esistenza quando si può campare meglio, facendosi gli affari propri?
Eppure il mondo ha bisogno di questi “sconfitti” che hanno voluto seguire l’esempio di Cristo, lasciandosi inchiodare su mille altre croci.
Quando immaginiamo Gesù sanguinante, sofferente, deriso dai soldati romani e abbandonato dai suoi amici, potremmo avere la tentazione di pensare a lui come ad un fallito: l’immagine perfetta di un insuccesso.
Ma è proprio da quell’apparente insuccesso che è cominciata la salvezza dell’umanità. Quello “sconfitto” con la corona di spine, a poco a poco, ha cambiato il mondo con il suo semplice messaggio d’amore.
Ecco perché abbiamo bisogno dei martiri. Abbiamo bisogno di conoscerli, di scoprirli, di non dimenticarli, affinché la loro luce illumini la nostra vita e ci accompagni in un cammino di speranza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tags

Cavalieri della Luce

Persone che decidono di “lasciarsi arruolare nell’esercito di Gesù” per portare la rivoluzione del Vangelo nel mondo.

Può interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X