Pensieri e RiflessioniSpiritualità

Ho sentito Gesù nella tempesta

Frequento un Cenacolo di preghiera Nuovi Orizzonti nella zona dove abito a Napoli nel quartiere di Pianura.

Durante questo percorso ho sentito più volte, anche dalla stessa Chiara, frasi particolari come: “aprite il vostro cuore a Gesù”, “abbandonatevi al suo volere”, “quando Egli entra in voi è tutta un’altra vita”. Ma non riuscivo a farle mie, non le comprendevo a pieno!

Ho cercato di vivere la mia vita secondo l’insegnamento di Gesù e pian piano notavo che avvenivano in me dei cambiamenti circa alcuni miei atteggiamenti che avevo prima di frequentare questo cammino.

Quando partecipavo al momento di lode e ringraziamento durante il cenacolo pensavo che era facile per me ringraziare e lodare Gesù, perché la mia vita era tranquilla e mi chiedevo spesso:

“E se venisse nella mia vita una tempesta? La mia casa è fondata sulla roccia?”.

Ed ecco che un mese fa mi sono trovata impaurita e smarrita in una grande inaspettata tempesta: mio marito ha avuto un infarto con arresto cardiaco; proprio davanti i miei occhi ho visto la sua vita appesa ad un filo di nylon.

Nel mio cuore e nella mia testa sono riaffiorate alcune parole di luce che in questi anni di percorso fatto con Nuovi Orizzonti ho ascoltato: “Non ti agitareabbandonati a me….non aver pauraIo vi darò ristoro“.

Dopo ogni brutta telefonata che mi arrivava dall’ospedale, in cui mi ripetevano che le cose non stavano andando bene e che se mio marito si fosse salvato non sarebbe stato più lo stesso, io continuavo a pregare: “Gesù, metto tutto nelle tue mani; tu sei la mia forza!”.

Ho donato a Gesù tutte le mie lacrime chiedendogli di non lasciarmi sola. Incredibilmente ho sperimentato il vero abbandono a Gesù e ho sperimentato la pace nella sofferenza e nel dolore umano.

A volte io stessa, da persona impulsiva qual ero, mi stupivo di quella calma interiore. Nei momenti di tristezza chiudevo gli occhi e ascoltavo una preghiera o una canzone e sentivo Gesù che mi parlava.

Sono stata nel dolore ma non mi sono mai sentita sola.

Ho aspettato con pazienza i tempi di Dio credendoci fortemente.

Confido in Te! Pensaci Tu!” erano le frasi che ripetevo costantemente e con determinazione.

Ho sentito tanto amore intorno a me da parte di Gesù e tanto amore e una cordata di  preghiere dalle persone intorno a me.

Dopo un mese di buio ho visto la luce: ho ricevuto una telefonata dove si diceva che mio marito, dopo un mese di coma, si era svegliato e forse i danni cerebrali non sarebbero stati così devastanti (inizialmente mi avevano detto che se si salvava, non si sapeva cosa restava di lui).

Oggi è ancora in ospedale; a causa del Covid non l’ho più visto dal giorno del suo malore.

Prego che lui senta l’amore di Gesù e non si senta solo.

Io continuo a ringraziare Gesù non solo per il miglioramento improvviso ed incomprensibile di mio marito, ma soprattutto per aver sentito Gesù al mio fianco in questa terribile tempesta.

Anna Cirillo

Tags

Può interessarti anche

Back to top button
Close

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
X